Come avviene la progettazione dei giardini verticali

Come avviene la progettazione dei giardini verticali

L’amore per la natura, l’attenzione all’innovazione tecnologica e un profondo senso artistico sono i valori a cui ci si ispira l’azienda per esaudire i desideri del pubblico. La ditta Verde Profilo si occupa della progettazione di giardini verticali. I giardini verticali sono un insieme armonioso di piante, scelte sulla base di caratteristiche ed indicazioni tecniche come l’ambiente esterno ed interno, il clima e la posizione. Le piante crescono su una superficie piana verticale in tasche predisposte su un substrato di materiale inerte (speciale feltro) senza terra.

Gli elementi essenziali da tenere in considerazione per una corretta progettazione dei giardini verticali sono quattro: pannelli in metallo zincato con viti autobloccanti che verranno fissati alle pareti. Il secondo elemento sono i teli in PVC per creare uno strato impermeabile con cui ricoprire i pannelli. Il terzo sono i blocchi di cartonfeltro che servono per alloggiare le piante (30 per metro quadrato). Bisogna ricordare che quelle microterme danno buoni risultati in primavera e autunno ma soffrono il caldo.

Le piante macroterme al contrario preferiscono il sole e bassi apporti idrici. Si possono ottenere buoni risultati con: vite canadese, passiflora, clematide, ficus repens, giasmino officinale. In luoghi aridi sono preferibili delle piante succulente o delle cactacee. Da evitare piante con bacche velenose, urticanti o dal cattivo odore. L’azienda Verde Profilo mette a completa disposizione dei clienti i suoi specialisti per la fase di progettazione giardini (per maggiori info visita https://verdeprofilo.com/it/progettazione-giardini) in ogni città d’Italia: non solo a Milano, Torino, Roma, Napoli ma anche in provincia.

La manutenzione sulla vegetazione si riduce a pochi interventi annui per eliminare eventuali foglie secche o controllare lo sviluppo. La bioarchitettura ha l’obiettivo di instaurare un rapporto equilibrato tra l’ambiente ed il costruito, riducendo il consumo delle risorse. Alcuni dei principi progettuali alla base della bioarchitettura, fondamento della filosofia dei giardini verticali, sono: ottimizzare il rapporto tra l’edificio ed il contesto, privilegiare la qualità della vita ed il benessere psico-fisico dell’uomo, salvaguardare l’ecosistema. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *